Catanzaro città centimetropolitana

ellenistico dixit

Vorremmo capire perché a Catanzaro tutto viene fatto con l’abbasto. “Abbastu” è voce dialettale per indicare l’appena sufficiente a fare qualcosa,  usando materiale quanto basta per risparmiare più che possibile anche laddove non appare opportuno. Esempio clamoroso: l’erigenda nuova ala del palazzo di Giustizia che oltre a essere un impudico furto di paesaggio – evidente ora che sono stati alzati al cielo i pilastri d’acciaio – è un monumento allo striminzito e all’incastrato.  Si è riusciti a giustapporre un mastodonte di cemento, vetro e metallo nella intercapedine tra un viadotto, una linea ferroviaria e una assai trafficata strada comunale. Con effetti che si preannunciano esilaranti. A opera ultimata sarà possibile passare un caffé direttamente dal viadotto al giudice che sta per pronunciare una sentenza in nome del popolo italiano. Oppure prendere l’autobus a volo dall’aula planando comodamente sul sedile riservato ai condannati non in via definitiva. A ciascuno il suo. Per una Reggio città metropolitana, a Catanzaro sta bene sentirsi città centimetropolitana.

® riproduzione riservata

Il Domani della Calabria 7 gennaio 2012

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: