Il caso Catanzaro/Lo scandalo c’è. Ma pagherà?

Catanzaro 21 marzo 2014. Manifestazione PD per le dimissioni del sindaco Abramo
Catanzaro 21 marzo 2014. Manifestazione PD per le dimissioni del sindaco Abramo

Il Pd di Calabria vuole le dimissioni del sindaco Sergio Abramo come conseguenza immediata del montante scandalo legato alla pubblicazione degli atti relativi all’indagine che la Digos ha condotto su indicazione della procura di Catanzaro, partita dalla compilazione anomala di una lista partecipante alle ultime amministrative. Una delegazione di alto livello, composta dal segretario regionale, dai deputati di zona e da rappresentanti del Consiglio, si è recata dal prefetto. Ufficialmente non per chiedere le dimissioni del sindaco – sarebbe ingenuo credere che questo passo possa essere riconosciuto come formalmente accettabile -, ma per rappresentargli lo stato di disagio amministrativo e di normalità istituzionale che la maggiore forza di opposizione avverte, in una situazione in cui il primo a rendersi conto che il livello di guardia della pubblica moralità (della moralità pubblica) è stato ampiamente superato dalla compagine di governo cittadino, tanto da averla azzerata ex abrupto e immantinente, è lo stesso sindaco, alla ricerca affannosa di una nuova, spendibile squadra.

Continua a leggere “Il caso Catanzaro/Lo scandalo c’è. Ma pagherà?”

Annunci

Il ragazzo della via Book. Salvatore Scalzo “A piedi nudi”, a giocare coi voti

IMG_1682

Le celebrazioni, in vita del celebrato, sortiscono spesso un effetto di segno opposto alle pur lusinghiere intenzioni del celebrante. E’ proprio in ragione delle lusinghe, con quel che di cerimonioso e dovuto esse esprimono, sia pure involontariamente. Non sappiamo chi abbia avuto in mano la regia della serata di presentazione della fatica letteraria di Salvatore Scalzo (A piedi nudi – Prove di cambiamento nella politica meridionale, Donzelli, 2013). In ogni caso essa è stata lungamente esposta al pericolo più facile: l’affettazione, con conseguente sovraesposizione al buonismo, malattia infantile del veltronismo,  dintorni e successivi. Con accenti quasi di buona novella, di vangelo spiegato al popolo. Con tanto di prologo (dieci minuti di foto, dal principio che fu Bruxelles fino alla passione secondo D’Attorre) e recita salmodiante di passi cruciali del libro (con voci alternate di fini dicitori, uno leggeva Scalzo come Bonhoeffer, l’altro come sentire il Crusoe di Defoe). Con la conseguenza che poi finisce che ci credono tutti, a cominciare giustamente dallo stesso Scalzo (“la nostra vicenda resterà scolpita negli anni a venire” e “abbiamo compiuto un cambio di storia che segnerà il volto politico della Regione”), per continuare con Nicola Fiorita ( “leggere Scalzo mi ha fatto lo stesso effetto della Costituzione di Benigni” e “il sottotitolo è sbagliato, perché il cambiamento di Scalzo è di portata non meridionale, ma nazionale”), per non terminare con Carmine Donzelli il quale ha plasticamente definito il fenomeno Scalzo quale risposta alla domanda circolata nella precoce primavera del 2011 nel Pd regionale e cittadino: abbiamo qualcuno che possiamo sacrificare alle comunali in attesa che ci sistemiamo le nostre cose interne? Sì, e chiamano Scalzo.
Continua a leggere “Il ragazzo della via Book. Salvatore Scalzo “A piedi nudi”, a giocare coi voti”